Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Va bene Voglio saperne di piĆ¹
Progettoarte Elm
ITEN
Iscriviti alla newsletter

TRESARTES - Dieci Artisti per i Primi Tre Anni di Progettoarte-elm a cura di Giuditta Deodato gio 15 dicembre 2011 - lun 31 dicembre 2012

Tre come gli anni di vita di Progettoarte. Tre come i suoi ideatori e fondatori. Tre come filo rosso dei lavori presentati in questa mostra che raccoglie alcuni degli artisti con cui la galleria ha più collaborato. Progettoarte nasce nell'autunno del 2008 dall'iniziativa di Ernesto Gisondi, Massimo Lusci e Luca Codiglioni, guidati dalla passione per l'arte e da una già avviata esperienza nel collezionismo e nel mercato dell'arte. Non solo, dunque, un tre simbolico che diventa espediente celebrativo dell'intensa attività che Progettoarte porta avanti dal 2008, ma anche un tre che ritorna nei lavori di questa collettiva, ora quale elemento formale, ora quale ingrediente concettuale.
 
Claudio Verna, Enzo Cacciola, Giuseppe Spagnulo, Giuseppe Uncini, Mario Raciti, Mauro Staccioli, Pino Deodato, Pino Pinelli, Umberto Mariani, Valentino Vago. Sono gli artisti  che in questa occasione presentano dei lavori che, nella loro singola unicità, auspicano insieme un augurio per Progettoarte, riconoscendone la feconda  attività di questi primi tre anni di vita.

Intriso di significati simbolici, il numero tre è presente nell'immaginario popolare talvolta quale numero cosiddetto perfetto, talvolta quale numero primo, alla luce delle nostre reminiscenze scolastiche, talvolta strettamente legato ad un retaggio religioso, presente in modo più o meno incisivo nel nostro bagaglio culturale.

A tal proposito il tre è un numero intriso di significati nella simbologia cristiana, basti qui ricordare il concetto della Trinità quale suo dogma centrale. Ma a ben vedere il numero tre può essere esplorato alla luce della sua matrice transculturale: non solo la tradizione cristiana ma anche altre fedi religiose e altri sistemi di pensiero riservano una particolare attenzione alla simbologia legata alle triadi, prime fra tutte  nascita - esistenza - morte, mente - corpo - anima, passato - presente - futuro.

Diverse sono le tradizioni religiose e popolari che in primo luogo riuniscono le divinità in triadi, quale principio panteistico che abbraccia ogni cosa e principio ordinatore dell'ordine cosmico. Ad esempio, alla base del culto di Mitra, nei primi secoli d.C. la religione più diffusa nell'impero romano introdotta da Nerone e originaria dell'estremo oriente, vi è una triade costituita dalle divinità Ormuzd-Anahita-Mithra. Il tre è inoltre un numero che si trova di frequente nelle religioni orientali: nell'induismo, Brahma, Visnù e Shiva compongono la Trimurti, una trinità divina laddove Brahma è il dio creatore, Visnù quello conservatore e Shiva quello distruttore.

Anche a livello di tradizione letteraria il numero tre non manca di costituire un fattore decisivo da una prospettiva contenutistica e formale. Fortemente intrisa da una simbologia cristiana, la Divina Commedia di Dante Alighieri è suddivisa in tre cantiche, ciascuna di trentatré canti con i versi raggruppati in terzine. Non solo, il numero tre costantemente funge da elemento narrativo all'interno della trama: tre sono le fiere che il protagonista incontra nella selva oscura così come tre sono le figure femminili che accorrono in suo aiuto. Infine, a livello antropologico, diverse interpretazioni \del mondo, mistiche ed esoteriche, prevedono spesso formule da ripetere tre volte, così come tre sono le fasi che scandiscono i riti d'iniziazione o di passaggio in differenti società: la fase di distacco dalla condizione attuale, la fase liminale di sospensione dello status dell'oggetto o della persona protagonisti del rito, la fase di assunzione della nuova condizione d'essere.

“Tresartes” diventa così un'occasione per presentare nuovamente al pubblico gli artisti di Progettoarte, in chiusura di una vivace stagione espositiva e alle porte per iniziarne una nuova altrettanto intensa.